PRESS

ART A PART OF CULTURE | gennaio 2017

Artefiera delle differenze. Di prezzi, atteggiamenti e qualità
________________________________________________________________________________________________________________________

IL RESTO DEL CARLINO | gennaio 2017

Bologna, le dieci opere da non perdere ad Arte Fiera

________________________________________________________________________________________________________________________

VOGUE | gennaio 2017

Arte Fiera 2017: parola ad Angela Vettese
________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | novembre 2016

arte-novembre-2016-pag-176
________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | ottobre 2016

arte_ottobre-2016_p21
________________________________________________________________________________________________________________________

X-STYLE | MEDIASET | 12 giugno 2016
Guarda il video della puntata (al 17.22′ si parla di noi)
________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 28 aprile 2016

Getulio Alviani e Giuseppe Gallo. Due sole opere ed è già S.U.P.E.R. Da Bibo’s Place di Todi
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 1 aprile 2016

Scrissi d’Arte e altre opere di Autori Messa. Forever young
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 31 marzo 2016

Limbo’s Lingo, Davide D’Elia
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARSHAKE | 03 marzo 2016

Francesco Lo Savio da Bibo’s Place
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 08 febbraio 2016

Artefiera # 2. Deve progettare un futuro. E altre valutazioni su mercato, belpaese e Arte
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 05 febbraio 2016

Artefiera n.40 #1: Qualche appunto e un approfondimento
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 11 dicembre 2015

In che senso italiani lo definiscono alla Bibo’s Place di Todi. Recensione e intervista ad Andrea Bizzarro e Matteo Boetti
_____________________________________________________________________________________________________________________________

DOPPIOZERO | dicembre 2015

Franceso Lo Savio: in che senso italiano?
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | novembre 2015

Arte_nov2015
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 11 ottobre 2015

In che senso italiano? Immagini dal doppio opening umbro della galleria Bibo’s Place: Francesco Lo Savio e una collettiva di giovani italiani
_____________________________________________________________________________________________________________________________

UNDO.NET | 10 ottobre 2015

Due mostre in contemporanea
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ART A PART OF CULTURE | 10 ottobre 2015

FRANCESCO LO SAVIO | FILTRI, FERRI, PROGETTI
_____________________________________________________________________________________________________________________________

EVENTI CULTURALI MAGAZINE |  09 ottobre 2015

FRANCESCO LO SAVIO | FILTRI, FERRI, PROGETTI
_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA |  22 agosto 2015

repubblica_22agosto

_____________________________________________________________________________________________________________________________

CORRIERE DELLA SERA | agosto 2015

corrieredellasera_agosto

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | luglio 2015

Arte_luglio 2015_pag. 134.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA CITY | giugno-agosto 2015

ArteeCriticacity_giugno-agosto 2015_pag. 25.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 24 luglio 2015

Schivardi & Sorokina. Nella project room di Bibo’s place

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | aprile 2015

Arte_aprile-2015_pag.186

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 5 maggio 2015

Le muffe, da Alberto Burri a Davide D’Elia. A Todi

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA CITY | aprile-maggio 2015

arte e critica city_aprile maggio 2015_pag. 22

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 3 aprile 2015

Pizzi Cannella, tra ombra e luce. A Todi, nel “posto di Bibo”

_____________________________________________________________________________________________________________________________

MESSAGGERO | 1 aprile 2015

messaggero_1-aprile_pag.40.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 28 marzo 2015

Alberto Burri meets Davide D’Elia. Nel centenario del grande umbro si inserisce anche la bellissima mostra da Bibo’s Place, a Todi: ecco chiccera all’opening

_____________________________________________________________________________________________________________________________

REPUBBLICA D | 28 marzo 2015

Repubblica_D

_____________________________________________________________________________________________________________________________

SETTE | 27 marzo 2015

CdS_Sette

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL GIORNALE DELL’ARTE | marzo 2015

marzo15

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 14 febbraio 2015

la-repubblica_14-febbraio-2015

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | 14 febbraio 2015

Matteo Boetti scrittore. Il libro di poesie dedicato alla madre Anne Marie presentato a Todi alla galleria Bibo’s Place, che inaugura la mostra di Pizzi Cannella: ecco le immagini.
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA | gennaio-marzo 2015

arte-e-critica-city_pizzi

_____________________________________________________________________________________________________________________________

SOLE 24 ORE | 1 febbraio 2015

sole24

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Artribune | 26 gennaio 2015
Bologna Updates: 100mila euro, ecco le sedici opere acquisite ad Arte Fiera dal fondo creato da BolognaFiere
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | gennaio 2015

Arte_1-2015_pag.144

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL GIORNALE DELL’ARTE | gennaio 2015

Il Giornale delle mostre-gennaio 2015.pag.33

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 28 novembre 2014
la-repubblica_nov2014
_____________________________________________________________________________________________________________________________

Art a part of culture | 19 novembre 2014
Maurizio Mochetti e Donato Piccolo inaugurano a Bibo’s Place a Todi Luce retta, calore freddo, suono visibile
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | ottobre 2014

Arte_ott2015_postFB
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA | settembre-novembre 2014

arte-e-critica_settembre-novembre-2014_pag_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 21 agosto 2014

repubblica_roma21ago2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 6 luglio 2014

la repubblica_6-7_14
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | aprile 2014

arte_aprile 2014_pag

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL GIORNALE DELL’ARTE | aprile 2014

Il Giornale dell'Arte (Il Giornale delle mostre)_aprile 2014_pag

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Intervista a Matteo Boetti sulla mostra “Opere su carta dal 900 italiano”

in onda su RADIOTRE | 30 marzo 2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTRIBUNE | marzo-aprile 2014

artribune_marzo-aprile 2014_pag

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Fuori porta, da Bibo’s Place. L’appuntamento artistico-mondano del weekend è a Todi, con una raffinata mostra di opere su carta: ecco le immagini  

pubblicato su ARTRIBUNE | 1 marzo 2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | marzo 2014

artemar2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

TGR UMBRIA | 3 marzo 2014

intervista

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL CORRIERE DELLA SERA | 2 marzo 2014

Il Corriere della Sera_2314_pag

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 1 marzo 2014

La Repubblica_1314_pag

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Opere su carta dal 900 italiano  
pubblicato su ARTRIBUNE | 28 febbraio 2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Opere su carta dal 900 italiano. Con un omaggio a Giacinto Cerone  
pubblicato su EXIBART | 28 febbraio 2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LEGGO | 28 febbraio 2014

2014_02_28_leggo

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 19 febbraio 2014

la repubblica19 feb 2014
_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA | gennaio – marzo 2014

aec_city12-21

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Opere su carta dal 900 italiano, dal 1° marzo a Todi  
pubblicato su ILTAMTAM | 4 febbraio 2014

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA | autunno 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Pilar canta Mario Schifano. Immagini e video dell’esibizione della cantante e performer romana alla Galleria Bibo’s Place di Todi: virtuosismi canori per ripercorrere la parabola creativa del grande irregolare  
pubblicato su ARTRIBUNE  | 9 dicembre 2013

Alle pareti opere di Andrea Aquilanti, Davide D’Elia, Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Andrea Marescalchi, Roberto Pietrosanti, Piero Pizzi Cannella. E soprattutto di lui, del grande Mario Schifano, fulcro della mostra 8×8 64 When form becomes idea, aperta fino all’11 gennaio 2014. Le cinquecentesche sale della galleria inebriate dalle note di Henry Mancini, di Vinícius de Moraes, dei Velvet Undergroung, dell’Equipe 84.
Quindici brani per cinque sale: cinque step per ripercorrere nella lettura canora e musicale gli sviluppi dell’opera di Schifano, l’anticonformismo, la dannazione, il rapporto con televisione e cinema, con le donne, con New York. Protagonista Pilar – nome d’arte di Ilaria Patassini -, cantante, interprete, autrice e performer romana: lei la virtuosa che ha regalato ai tantissimi presenti un momento emozionante, accompagnata dai suoi musicisti Federico Ferrandina alla chitarra classica e Angelo Maria Santisi al violoncello.
Una vera e propria performance, uno spettacolo itinerante che ribadisce l’approccio eclettico e trasversale – nel quadro di programmi artistici di assoluto livello – scelto da Andrea Bizzarro e Matteo Boetti per la galleria aperta da qualche mese nel centro dell’Umbria: ve ne proponiamo qualche momento nel video…

Massimo Mattioli

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA REPUBBLICA | 7 dicembre 2013

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________

LA NAZIONE | 7 dicembre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Al Bibo’s Place Pilar canta per Schifano  
pubblicato su IL GIORNALE DELL’ARTE  | 3 dicembre 2013

Todi. Il 7 dicembre a mezzogiorno alla Galleria Bibo’s Place, Andrea Bizzarro e Matteo Boetti hanno invitato la romana Pilar (alias Ilaria Patassini) cantante, interprete, autrice e performer a rendere omaggio a Mario Schifano e ad artisti di generazioni diverse che hanno tenuto conto della sua capacità di trasformare la pittura in uno strumento moderno, dalle radici concettuali: Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Piero Pizzi Cannella, Andrea Aquilanti, Davide D’Elia, Andrea Marescalchi, Roberto Pietrosanti, protagonisti con Schifano stesso della mostra in corso «8×8 64 When form becomes idea» (fino all’11 gennaio). Pilar vanta tre album, collabora stabilmente con Bungaro, suo produttore artistico con il quale scrive a quattro mani le sue canzoni e si è esibita in numerosi festival in Italia e all’estero. La passione civile è al centro del suo itinerario artistico.

Francesca Romana Morelli

_____________________________________________________________________________________________________________________________

D REPUBBLICA | dicembre 2013

http://d.repubblica.it/attualita/2013/12/03/foto/mostre_todi-1913605/1/#7

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL FATTO QUOTIDIANO | 2 dicembre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE E CRITICA | novembre-dicembre 2013

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL GIORNALE DELL’ARTE | 13 novembre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

IL MANIFESTO | 2 novembre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

L’UNITA’ | 1 novembre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

DOMENICALE | 27 ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

ARTE | ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

D di Repubblica | 4 ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

 

Il Messaggero | 6 ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

La Repubblica | 4 ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

7 artisti per Mario Schifano
pubblicato su news-art | 2 ottobre 2013

Dal 5 ottobre Bibo’s Place, la galleria che Andrea Bizzarro e Matteo Boetti hanno aperto quest’anno a Todi, presenta il suo secondo appuntamento: 8×8 64, when form becomes idea – 7 artisti per Mario Schifano “Il Puma”.
Come il titolo esplicita, l’esposizione collettiva si presenta come un omaggio a Mario Schifano, e propone otto suoi dipinti affiancati dai lavori di altri sette artisti, ciascuno con altrettante opere per un totale di sessantaquattro: gli autori coinvolti sono Andrea Aquilanti, Davide D’Elia, Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Andrea Marescalchi, Roberto Pietrosanti, Piero Pizzi Cannella.

Le opere di Piero Pizzi Cannella sono tutte inedite e realizzate per questa occasione, come pure quelle di Andrea Marescalchi. Inedita, ma risalente all’inizio degli anni Ottanta, anche la selezione di carte di Giuseppe Gallo. Il nucleo diGianni Dessì presenta tre opere inedite appositamente eseguite per la mostra, oltre a cinque carte inedite del ’78. Davide D’Elia ha composto per questo omaggio a Schifano una serie di lavori imperniati sui processi biologici, attivi o inermi, delle muffe; Roberto Pietrosanti espone otto carte che entrano in un sorta di dialettica oppositiva rispetto alla poetica di Schifano, mentre Andrea Aquilanti si confronta con alcuni dei suoi temi ricorrenti.Piero Pizzi Cannella_cinque_futuristi_che_guardano_Schifano_futurista_foto_1Gli otto lavori di Mario Schifano selezionati per la mostra, infine, ambiscono a fornire, per quanto in estrema sintesi, una visione panoramica della sua intera parabola creativa, partendo da un Monocromo del 1961 per arrivare fino a Leptis Magna del 1991.

Il giorno dell’inaugurazione verranno diffuse le note dell’unico album musicale realizzato da Schifano con un suo gruppo denominato “Le stelle di Mario Schifano”, dal titolo “Dedicato a”, esempio sorprendente di psichedelia italiana.

Gianni_dessì_M_S_ Vita, morte, e miracoli 2_2013_olio su cartone telato_cm 40x30Così Bizzarro e Boetti danno conto delle ragioni che stanno alla base dell’omaggio a Schifano, che loro stessi hanno curato:
Individuiamo in Schifano uno snodo fondamentale tra tradizione ed innovazione. Nella sua opera la memoria di quanto appena avvenuto nell’ambito della Scuola Romana, nel senso di un utilizzo espressivo del colore, riaffiora in certe sue sgocciolature di pittura che ci riportano a quelle dei tetti di Mafai e a certi toni forti, a certe fughe oniriche di Scipione e pure a quella maniera di narrazione fitta che ha animato tanti racconti di Gadda.
Eppure, allo stesso tempo, c’è un balzo in avanti come quello di un “Puma” (così Parise chiamava Schifano) e dalla memoria si passa alla visione di un universo nuovo che va ben oltre le poetiche cosiddette “pop”, che abitualmente gli si attribuiscono, sfiorando addirittura quelle concettuali.
L’immagine, un frammento di realtà, in senso iconico, in lui è sempre presente, ma poi la velocità d’esecuzione derivante dal suo furor esistenziale unita all’uso espressionista e tonale del colore, trascende quella realtà guardata, accedendo alla sfera del concetto, ma attraverso i mezzi propri della pittura e la forma diventa idea
”.
La mostra è dedicata alla memoria di Anna d’Ascanio.
(02/10/2013)

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Artribune | settembre – ottobre 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Mario per sette, sette per Mario! Un numero museale di pezzi in omaggio a Schifano, per il secondo progetto di Boetti & Bizzarro

pubblicato su exibart | 2 ottobre 2013

Metti insieme “Il Puma” e, come in un rimando alla numerologia o ad un vecchio film western, chiama sette artisti ad omaggiare ognuno con otto opere la figura del Maestro. Il risultato? 64 opere in mostra, a partire dalle 8 di Schifano e altrettante di Andrea Aquilanti, Davide D’Elia, Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Andrea Marescalchi, Roberto Pietrosanti e Piero Pizzi Cannella, ispirate al grande pittore di Roma.
È il nuovo progetto di Matteo Boetti e Andrea Bizzarro per Bibo’s Place, la galleria aperta a maggio a Todi, che hanno intitolato la collezione “8×8 64, When form becomes idea 7 artisti per Mario Schifano: “Il Puma”.
“Il Puma” era il nome con il quale Goffredo Parise appellava l’artista, che secondo Boetti & Bizzarro «rappresenta uno snodo fondamentale tra tradizione ed innovazione. Dalla memoria della “Scuola Romana” si passa alla visione di un universo nuovo che va ben oltre le poetiche cosiddette “pop”, che abitualmente gli si attribuiscono.
L’immagine, in senso iconico, in lui è sempre presente, ma poi la velocità d’esecuzione derivante dal suo furor esistenziale unita all’uso espressionista e tonale del colore, trascende quella realtà guardata, accedendo alla sfera del concetto, ma attraverso i mezzi propri della pittura e la forma diventa idea. Dopo Schifano tutti si sono dovuti confrontare con Schifano. E allora c’è chi ha proceduto accogliendo in pieno la sua lezione e chi, invece, si è mosso rifiutandola».
E insieme agli inediti di Piero Pizzi Cannella, Andrea Marescalchi, le tre nuove tele di Gianni Dessì, le carte mai viste di Giuseppe Gallo dipinte all’inizio degli anni Ottanta, i nuovi lavori sulle muffe realizzati appositamente da Davide D’Elia e gli otto pezzi opposti alla poetica di Schifano che presenterà Roberto Pietrosanti, durante l’inaugurazione saranno messe “in mostra” le sonorità psichedeliche del primo e unico album realizzato dall’artista insieme al suo gruppo, “Le stelle di Mario Schifano”, del 1967.
Una mostra che, in qualche modo, delinea anche la circolarità del tempo dell’arte, e che strizza l’occhio proprio all’esperienza di Boetti: “7×7 49…77 riquadri per 7 artisti”, era il titolo del primo progetto con cui il gallerista aveva inaugurato il suo primo spazio espositivo romano, AutoriMessa, esattamente 20 anni fa.
_____________________________________________________________________________________________________________________________
Arte e Critica City | settembre-ottobre 2013

____________________________________________________________________________________________________________________________

Repubblica | 25 agosto 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

SETTE – Corriere della Sera | 23 agosto 2013

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Todi celebra l’opera di Enzo Cucchi il 25 agosto

pubblicato su gaiaitalia | agosto 2013

 

Una processione a cavallo per celebrare l’opera di Enzo Cucchi:
questo il secondo progetto presentato dai due animatori di Bibo’s Place,
Andrea Bizzarro e Matteo Boetti.

Il 25 agosto 2013, nell’ambito del Todi Festival – manifestazione storica che
coinvolge tutta la città con spettacoli teatrali, concerti, mostre ed eventi, la cui
direzione artistica è tornata quest’anno al suo fondatore Silvano Spada – che si
svolgerà dal 23 agosto al 1 settembre 2013, la galleria Bibo’s Place
realizzerà un evento che culminerà con la simbolica consegna alla città di
un’opera inedita di Enzo Cucchi.

Una processione a cavallo di quasi dieci chilometri per portare l’opera di Enzo
Cucchi da quella che è stata per 20 anni (dal 1974 al 1994) la residenza di
Alighiero Boetti a Todi, fino al Tempio della Consolazione, considerato uno dei
monumenti rinascimentali più rappresentativi della cittadina umbra. Enzo
Cucchi riceverà la sua opera dalle mani dei cavalieri e la inserirà in una
custodia di ceramica, pezzo unico, realizzata dall’autore presso la storica ditta
Ubaldo Grazia di Deruta.

L’opera in oggetto Prisca (dal latino Prius, antico) è un multiplo tirato a trenta
esemplari ottenuto dalla combinazione di diverse tecniche:

la parte litografica è stata realizzata dalla stamperia Bulla di Roma e quella
serigrafica dalla stamperia Berardinelli di Verona. Ha la forma di un parallelepipedo
dalle dimensioni di 33 cm di lunghezza, per 11 cm di altezza e 11 cm di base che
contiene tre cubi di carta, tre litografie cubiche con dei piccoli arcobaleni
serigrafici inseriti come fossero dei led, delle luci fredde su segni neri e caldi.
L’opera cerca di ridare vita al mondo della grafica: il foglio di carta e la matita
rimangono a tutt’oggi la tecnologia più avanzata che abbiamo per
rappresentare la realtà (Enzo Cucchi).

La processione, che coinvolgerà circa 25 cavalieri, tra cui gli stessi galleristi,
partirà dalla residenza di Alighiero Boetti e attraverserà la campagna, dando
vita ad un “rituale” che coinvolgerà tutta la città, in uno spettacolo fuori dal
tempo. A conclusione di questo rituale l’opera verrà portata dalla Consolazione
alla Galleria Bibo’s Place, dove verrà proiettato in anteprima il documentario Rebecca Ward
realizzato da Auro e Celso Ceccobelli in occasione della mostra inaugurale della galleria
e dell’Artist residence svolto dall’artista a Todi nelle settimane precedenti l’opening.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Todi: la processione di Prisca

pubblicato su goodmorningumbria | agosto 2013

prisca

Una processione a cavallo per celebrare l’opera di Enzo Cucchi:
questo il secondo progetto presentato dai due soci di Bibo’s Place,
Andrea Bizzarro e Matteo Boetti.

Il 25 agosto 2013, nell’ambito del Todi Festival – manifestazione storica che coinvolge tutta la città con spettacoli teatrali, concerti, mostre ed eventi – che si svolgerà dal 23 agosto al 1 settembre, la galleria Bibo’s Place realizzerà un evento che

Enzo Cucchi

Enzo Cucchi

culminerà con la simbolica consegna alla città di un’opera inedita
di Enzo Cucchi. Una processione a cavallo di quasi dieci chilometri per portare l’opera di Enzo Cucchi da quella che è stata per 20 anni (dal 1974 al 1994) la residenza di Alighiero Boetti a Todi, fino al Tempio della Consolazione considerato uno dei monumenti rinascimentali più rappresentativi della cittadina umbra.
Enzo Cucchi riceverà la sua opera dalle mani dei cavalieri e la inserirà in una custodia di ceramica, pezzo unico, realizzata dall’autore presso la storica ditta Ubaldo Grazia di Deruta.
L’opera in oggetto Prisca (dal latino Prius, antico) è un multiplo tirato a trenta Esemplari ottenuto dalla combinazione di diverse tecniche: la parte litografica è stata realizzata dalla stamperia Bulla di Roma e quella serigrafica dalla stamperia Berardinelli di Verona. Ha la forma di un parallelepipedo dalle dimensioni di 33 cm di lunghezza, per 11 cm di altezza e 11 cm di base
che contiene tre cubi di carta, tre litografie cubiche con tre piccoli arcobaleni serigrafici come fossero dei led, delle luci fredde su segni neri e caldi. L’opera cerca di ridare vita al mondo della grafica: il figlio di carta e la matita rimangono a tutt’oggi la tecnologia più avanzata che abbiamo per rappresentare la realtà (Enzo Cucchi).
La processione, che coinvolgerà circa 25 cavalieri, tra cui gli stessi galleristi, partirà dalla residenza di Alighiero Boetti e attraverserà la campagna, dando vita ad un “rituale” che coinvolgerà tutta la città, in uno spettacolo fuori dal tempo. A conclusione di questo rituale l’opera verrà portata dalla Consolazione alla Galleria Bibo’s Place, dove verrà proiettato in anteprima il documentario Rebecca Ward realizzato da Auro e Celso Ceccobelli in occasione della mostra inaugurale della galleria e dell’Artist residence svolto dall’artista a Todi nelle settimane precedenti l’opening.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Corriere della sera | 1 agosto 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Panorama | 17 luglio 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Il Giornale dell’Arte | luglio/agosto 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Riapre Boetti nel cuore dell’Umbria. Bibo’s gallery: intervista a Matteo Boetti

pubblicato su art a part of cult(ure)  | 24  giugno 2013

 

Con un omaggio all’arte di due artiste donne  - Carla Accardi, Rebecca Ward – Women’s Genius. One step beyond -  apre la nuova galleria di Matteo Boetti che, con Andrea Bizzarro, ha scelto lo spazio del cinquecentesco Palazzo Pensi a Todi per proporre arte contemporanea in una delle aree più belle dell’Umbria.

A lui qualche domanda:

Dopo una pausa di riflessione successiva alla chiusura del tuo ultimo spazio romano, come mai la decisione di aprire una galleria in una piazza così particolare come Todi, dove in passato si sono già cimentati altri galleristi senza particolari risultati? Ritieni che la provincia umbra riservi potenzialità da questo punto di vista rispetto alla capitale, dove effettivamente tutta questa grande energia non c’è?

“Partirei dalla fine, quando chiusi l’ultimo spazio nel 2008 Roma mi sembrava più pigra, provinciale e meno recettiva che mai. In questi cinque anni non mi sembra che la situazione sia molto cambiata. Viceversa ho trovato a Todi una situazione di grandi potenzialità, di grande curiosità e di possibili collaborazioni di qualità, sia nel privato che nelle Amministrazioni. In più, proprio per la sua posizione al di fuori degli abituali circuiti metropolitani, la decisione dell’appassionato e del collezionista di venirci a trovare ha per noi un sapore diverso, è una scelta mirata e molto sentita che abbiamo davvero apprezzato fin dal nostro primo opening il 18 maggio. Poi sicuramente il contesto aiuta, la qualità della vita intesa come qualità del cibo, del sonno e delle bellezze artistiche e paesaggistiche, l’assenza di traffico e di stress…”

E’ la prima volta che condividi la tua attività con un’altra persona, in questo caso Andrea Bizzarro, in nome di un sano sodalizio come recita il nome Bibo’s appunto, umano, culturale e perché no, anche economico… Chi decide la linea e le relative scelte?

“Fino ad ora avevo sempre gestito i miei precedenti spazi in solitudine, ma probabilmente un po’ di saggezza che forse deriva dall’esperienza, dai miei solitari errori passati e dall’avere tre figli oramai grandi ha saputo sopire la mia notoria esuberanza punk e kamikaze e mi ha fatto scegliere un sodalizio che nelle specifiche circostanze mi è davvero sembrato scelto dal destino. Andrea Bizzarro è solo apparentemente agli antipodi del mio modus operandi: tanto io sono irruento, quanto lui è ponderato, ma in realtà siamo entrambi due ansiosi, maniaci ossessivi, in modi diversi entrambi perfezionisti. Siamo davvero complementari, dove non arriva uno arriva l’altro: tutta la programmazione, la politica culturale è costruita secondo questo principio di rimbalzo tra le mie idee e quelle di Andrea e di costruzione progressiva talmente integrata che a progetto concluso non sappiamo più chi ha detto cosa.”

Trovo efficace l’accoppiata Accardi- Ward per la sintonia tra le due artiste. Continuerete sulla modalità del duetto artista storico e artista giovane che è un must ormai, o sono previste anche variazioni sul tema?

“Il confronto tra la senior Accardi e la giovane Ward nasceva senza dubbio da buoni presupposti, ma pensiamo che il valore aggiunto sia davvero stato il fatto di aver messo Rebecca in condizione di realizzare le proprie opere direttamente in loco. L’Artist Residence che le abbiamo organizzato in quello che è stato lo studio di Boetti riteniamo che le abbia permesso di esprimere una qualità ancora maggiore. Questi lavori realizzati a Todi sono di una poeticità e raffinatezza davvero fuori dal comune per un’artista così giovane.”

In futuro…?

“Per la futura programmazione sicuramente proseguiremo con questa modalità di confronti generazionali, ma non necessariamente si tratterà sempre di doppie personali, declineremo questo schema anche in maniera più trasversale anche con incroci più fitti tra più artisti.”

Intratterrete un rapporto di collaborazione con critici e curatori sul piano delle scelte? Saranno chiamati a mettere il cappello sulle vostre proposte o terrete invece saldamente nelle vostre mani le redini curatoriali della galleria?

“In realtà la mole dei progetti e delle idee emerse al momento della stesura della programmazione era tale che probabilmente per un certo numero di mostre pensiamo di poterci occupare della curatela. Certamente per il futuro non escludiamo di avvalerci di collaborazioni, o di affidare un progetto ad un curatore.”

Patrizia Ferri

_____________________________________________________________________________________________________________________________

 

Arte e Critica City | giugno/agosto 2013

_____________________________________________________________________________________________________________________________

L’Espresso | 30 maggio 2013

_______________________________________________________________________________________________________________________________
D – La Repubblica   | 18 maggio 2013

_______________________________________________________________________________________________________________________________

La Repubblica  | 18 maggio 2013


_______________________________________________________________________________________________________________________________

DOVE | maggio 2013

_______________________________________________________________________________________________________________________________

Todi: l’opening di Bibo’s Place, con Carla Accardi e Rebecca Ward

pubblicato su Viaggi | Corriere della Sera | 17 maggio 2013

Apre con un omaggio al genio femminile la nuova galleria di Matteo Boetti e Andrea Bizzarro, nel cinquecentesco Palazzo Pensi. Un motivo in più per una fuga nel cuore verde dell’Umbria.

Fascino umbro. Lo conosce bene Matteo Boetti: nel 2009 il figlio del grande artista Alighiero Boetti, gallerista e talent scout dal 1993, ha lasciato Roma e il suo spazio nel quartiere di Prati per trasferirsi in un casale nella campagna di Todi, già buen retiro del padre. Tra olio e cavalli, però, il richiamo della sua prima passione si è fatto sentire; ora Boetti è pronto a tornare in scena, ma senza abbandonare i suoi ulivi e Todi. È qui, infatti, che il 18 maggio inaugurerà una nuova galleria insieme all’amico Andrea Bizzarro, art dealer e studioso dell’arte figurativa italiana del secondo dopoguerra, anche lui innamorato di Todi, dove vive da anni.

Con il nome di Bibo’s Place (dalle iniziali dei cognomi dei due soci), lo spazio aprirà nel cinquecentesco Palazzo Pensi, al posto della storica galleria di Giuliana Soprani Dorazio Extramoenia. Una scelta per mantenere vivo il legame e il ricordo di lei, la vedova dell’artista Pietro Dorazio recentemente scomparsa, ma anche per alimentare quel dialogo tra passato e presente, fil rouge della futura attività espositiva e specchio delle diverse personalità di Boetti e Bizzaro: il primo un punto di riferimento per giovani artisti da sempre, il secondo esperto di maestri e di movimenti ormai entrati nella storia. Ed è proprio un confronto tra una delle figure più rilevanti dell’arte italiana del secondo Novecento e un astro nascente dell’attuale panorama internazionale a dare il via a Bibo’s Place: Women’s Genius. One step beyond è il titolo della mostra che apre il 18 con la pioniera dell’astrattismo e del femminismo in Italia, Carla Accardi, e la 29enne Rebecca Ward.
Una doppia personale per rintracciare una continuità tra diverse generazioni artistiche, ma anche un omaggio al genio femminile dei due soci e curatori della mostra, che si riflette poi nelle installazioni con nastri colorati della giovane americana, ispirate ad attività tradizionalmente da donne come il cucito e la tessitura.
Una curiosità: Rebecca Ward ha preparato i lavori per la sua personale da Bibo’s in quello che era il vecchio atelier di Alighiero Boetti a Todi.

L’opening della galleria è un’occasione da non perdere per un weekend a Todi. Perdersi nel labirinto dei suoi vicoli tortuosi, tra palazzi medievali, botteghe di artigiani e osterie che propongono taglieri di salumi e formaggi, zuppa di ceci, cosciotti d’agnello accompagnati da buoni vini al bicchiere. La bella stagione, poi, invita a una fuga in collina: passeggiate nel verde e nel silenzio, tra boschi, filari, ulivi argentati, e notti in relais di campagna come Palazzetta del Vescovo. A Fratta Todina, un’antica residenza estiva dei vescovi di Todi che ora accoglie gli ospiti in nove camere, affacciate su una grande piscina a sfioro e un giardino di essenze mediterranee (www.lapalazzettadelvescovo.it).
Fratta Todina, uno dei più piccoli comuni dell’Umbria, conserva ancora parte delle mura castellane; da visitare anche il Convento di Santa Maria della Spineta, antico romitorio di tradizione francescana.

La mostra: Carla Accardi – Rebecca Ward. Women’s Genius. One step beyond, dal 18 maggio al 7 settembre 2013, Bibo’s Place, piazza Garibaldi 7, Todi. Orari: da martedì a domenica 10-13 e 16-20. Info: tel. 075.3721507, www.bibosplace.it.

Alessandra Maggi

_______________________________________________________________________________________________________________________________

Fuori porta, da Bibo’s Place. Ecco chiccera a Todi per l’esordio del nuovo spazio di Andrea Bizzarro e Matteo Boetti: protagoniste Carla Accardi e Rebecca Ward

Scritto su Artribune da  | sabato, 18 maggio 2013

 

Il palazzo che ospita Bibo’s Place

La classica passeggiata fuori porta, specie per l’artworld romano: verso una meta classica, come può essere Todi, al centro dell’Umbria. Ma in questo caso ad attirare i convenuti non sono le chiese romaniche, o le Cisterne Romane, né le gradevoli campagne: si inaugura una nuova galleria d’arte, ambiziosa nelle premesse e concreta, almeno nei primi risultati. Si chiama Bibo’s Place, un gioco di parole che richiama i due animatori, Andrea Bizzarro e Matteo Boetti: già, il figlio del grande Alighiero, che proprio a Todi aveva stabilito il suo buen retiro, e proprio a Todi è sepolto dopo la prematura scomparsa. La galleria si inaugura con la mostra Women’s genius, one step beyondCarla Accardi e Rebecca Ward, due donne, generazioni diverse, un filo conduttore spirituale prima che qualitativo. Ecco la fotogallery, per vedere anche chi c’era…

_______________________________________________________________________________________________________________________________

Dinamiche dialettiche tra generazioni diverse. Si inaugura a Todi Bibo’s Place, il nuovo spazio umbro di Andrea Bizzarro e Matteo Boetti: debutto in rosa con Carla Accardi e Rebecca Ward
Scritto su Artribune da Massimo Mattioli | venerdì, 17 maggio 2013

L’interno di Bibo’s Place
“Il nostro intento è quello di non ripetere schemi precostituiti quali la tipica galleria sperimentale, o quella di proposta storica, ma di attuare dinamiche dialettiche tra generazioni diverse, convinti che il procedere degli artisti e dell’arte sia in senso vettoriale, e che quindi non ci siano cesure nette tra un momento e l’altro”. Parole di Andrea Bizzarro e Matteo Boetti, che così presentano Bibo’s Place, la nuova galleria pronta per l’inaugurazione in Umbria, a Todi. Uno storico dell’arte e dealer ed un gallerista prestato al mondo agricolo equestre dell’Umbria: “siamo vicini di casale e casualmente proprio a Todi ci siamo conosciuti. Alla non casualità del destino abbiamo deciso di dare un peso”.
La nuova galleria si apre negli spazi dove dal ’91 Giuliana Soprani Dorazio aveva dato vita alla sua galleria Extra Moenia: e la mostra di apertura – Women’s genius, one step beyond – vuole essere un omaggio, tutto al femminile, alla gallerista: omaggio prestato dai lavori di una artista italiana storica come Carla Accardi, messi a confronto con quelli della giovane e talentuosa artista americana, classe 1984, Rebecca Ward. Ma perché la scelta di un posto periferico come Todi? “Non è poi una location così bizzarra – spiegano i galleristi – ed ha sempre avuto una evidente vocazione artistica davvero intensa: molti artisti hanno eletto questa città come luogo in cui vivere e lavorare e così è stato fin dagli anni Settanta. Gli spazi, all’interno del cinquecentesco Palazzo Pensi, sono divisi in cinque ambienti: questa suddivisione ci permette di diversificarne l’utilizzo, oltre alle sale destinate alla mostra in corso, intendiamo usare le altre per presentare i nostri rispettivi magazzini, le eventuali produzioni di multipli ed edizioni, nonché project room con giovani promettenti da ‘allenare’”.

_______________________________________________________________________________________________________________________________

CARLA ACCARDI – REBECCA WARD
Women’s Genius. One step beyond, 18 maggio | 7 settembre 2013, Bibo’s Place, Todi
pubblicato su News-Art

Era dal 2008 che Matteo Boetti – figlio di Alighiero e nei decenni a cavallo del nuovo millennio figura di primo piano della scena artistica romana – aveva interrotto la sua attività di gallerista. Eccolo ora impegnato in questa nuova avventura a Todi, assieme al socio Andrea Bizzarro. Sabato 18 maggio 2013 si è inaugurata, infatti, la loro nuova galleria negli spazi di Palazzo Pensi, che ospitarono la galleria Extramoenia di Giuliana Soprani Dorazio.

Bibo’s Place apre la sua attività con la mostra Women’s Genius – One step beyond, che accosta ai lavori di Carla Accardi quelli dell’artista americana Rebecca Ward, classe 1984. La mostra vuole costituire anche un omaggio a Giuliana Soprani Dorazio, recentemente scomparsa.
L’idea del confronto generazionale, l’intento di istituire un dialogo visivo tra le opere di artisti pienamente affermati e storicizzati e quelle di artisti emergenti, purché rispondenti a un coerente e non arbitrario principio di ordine qualitativo, rappresenta una precisa linea curatoriale, valida anche per le mostre che verranno realizzate in futuro in questo nuovo spazio.

L’esposizione offre l’opportunità di verificare il dialogo fertile e non subordinato da parte di un esponente di punta dell’ultima generazione di pittori astratti americani come la Ward, con l’opera di Carla Accardi, protagonista dell’arte italiana del secondo dopoguerra.
Il lavoro di Rebecca Ward è frutto di un’assidua ricerca sui materiali e sui processi, sulla costruzione degli oggetti, sui colori e sul rapporto con l’architettura. L’artista esegue installazioni con l’uso di nastri adesivi colorati che attraversano lo spazio espositivo con linee geometriche che ne cambiano la struttura usando la qualità luminosa del colore.
Nella sua produzione pittorica Ward evidenzia la superficie attraverso la visibilità data ai materiali, come il telaio o i fili stessi della tela che viene tinta e deformata. Per questa circostanza ha eseguito un’installazione site specific e alcuni quadri, in un dialogo che coinvolge non solo le opere della Accardi ma anche la storia della città umbra e gli ambienti un tempo occupati da Alighiero Boetti.
La mostra presenta anche un’accurata selezione di undici opere di Carla Accardi che attraversano gran parte della sua lunga attività, dal 1954 sino al 2008, cercando di cogliere i punti chiave della sua ricerca.
03_Carla_Accardi_1975_Grigio_100x160_highIn Grigio e colori (diversi grigi e colori), del 1954, sono presenti le caratteristiche tipiche della produzione dell’Accardi di quegli anni, ossia la fluidità del segno e l’effetto di contrasto tra bianco e nero. Le due carte degli anni Sessanta tradiscono, invece, l’esigenza di una maggiore luminosità del colore abbinata ad un’ossessiva e ripetitiva calligrafia, che si fa più solida quando la Accardi scopre ilsicofoil (materiale prediletto dall’artista e rappresentato in mostra da 3 opere) e con esso la possibilità di superare percettivamente il limite della tela, rendendo visibile il suo supporto. Nella tela grezza, usata come superficie pittorica da Accardi a partire dal 1981, e in quadri in mostra come Blu di Prussia e Blu, l’artista sviluppa, per dirla con Germano Celant, la dicotomia tra segno e fondo, tra maschile e femminile, tra industriale e naturale.Carla Accardi

è nata a Trapani nel 1924. E’ una delle artiste italiane più importanti del secondo Novecento, la cui opera è stata di fondamentale importanza nel congiungere le poetiche dell’astrattismo e dell’informale. Trasferitasi a Roma, nel 1947 Accardi firma ilmanifesto “Forma 1” (episodio cruciale per la storia della pittura astratta in Italia) assieme ad Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Perilli, Turcato e Sanfilippo, che sposa due anni dopo. La sua prima mostra personale risale al 1950. Di lì in avanti il suo lavoro si è sempre concentrato sull’analisi delle potenzialità espressive e compositive del segno, variamente declinato attraverso tutte le possibili combinazioni cromatiche. Nel 1964 e nel 1988 la Biennale di Venezia le ha dedicato una sala personale. Mostre monografiche a lei dedicate sono state ospitate nei principali musei di arte contemporanea del mondo. Ricordiamo quelle all’Accademia di Francia, Roma, 1997, al Castello di Rivoli, 1998, al Musée d’Art Moderne de la Ville, Parigi, 2002, e al MACRO di Roma, 2004.Rebecca Ward è nata nel 1984 a Waco in Texas (USA). Vive e lavora a New York. Ha conseguito un Master in Fine Arts alla School of Visual Arts di New York. Ha partecipato a numerose esposizioni negli Stati Uniti e in Europa. Le sue personali includono una recente mostra alla Ronchini Gallery di Londra, al Contemporary Art Museum di Raleigh e alla Finesilver Gallery di Houston, in Texas. Nel 2013 sono previste una mostra alla Barbara Davtra Cuiis Gallery di Houston ed alla East Hampton Shed di New York.
Le installazioni di Rebecca Ward sono spesso eseguite con nastri, attraverso i quali l’artista indaga le potenzialità espressive dello spazio e del colore. Aderendo al soffitto, alle pareti e al pavimento i nastri diventano parte stessa dell’architettura, ridefinendola. Nei suoi dipinti si combinano riferimenti all’astrazione geometrica con tecniche lavorative tradizionali tipicamente femminili come il cucito, la tessitura e la stampa su tessuto.
(Lu.Bo, 17/05/2013)

_______________________________________________________________________________________________________________________________

Bizzarro & Boetti, ovvero Bibo’s Place.
A Todi un ritorno di fiamma del figlio d’arte con una nuova galleria.
Che inizia con Accardi e Ward
pubblicato su EXIBART | 14 maggio 2013

Due eccellenze per Matteo Boetti, che dopo la chiusura -cinque anni fa- del suo Studio al quartiere Prati di Roma, sceglie di inaugurare la sua nuova stagione di gallerista con Carla Accardi e Rebecca Ward. In realtà a Todi, sede umbra della nuova galleria, ci sarà anche Andrea Bizzarro, Art Dealer e consulente, a fare parte della co-direzione di quella che è stata chiamata Bibo’s Place, proprio a partire dalle iniziali dei due cognomi. Apertura dell’attività dunque con una sorta di doppia personale, che metterà a confronto proprio il lavoro della giovanissima americana Ward, attualmente in mostra anche da Ronchini a Londra, e della grande italiana Carla Accardi, in un parallelo intitolato, non a caso, “Women’s Genius – One step beyond”.

Luogo della nuova galleria sarà Palazzo Pensi, sede della ex galleria Extramoenia di Giuliana Soprani Dorazio, e la prima mostra sarà accompagnata da un pezzo della critica Manuela Pacella, già Premio Set-Up nella prima edizione della fiera “collaterale” bolognese. Un omaggio all’universo femminile e in particolare proprio alla figura di Soprani Dorazio, non tradendo la tensione verso i giovani per cui Matteo Boetti era diventato molto conosciuto tra gli artisti e i curatori della Roma degli anni ’90 e 2000, che aveva promosso in diverse gallerie dal ’95 al 2008. Anche se oggi sarà l’idea di incontro/scontro, di dialettica visiva tra artisti giovani ad artisti storicizzati a tenersi come la linea curatoriale. Appuntamento col futuro, e con un ritorno in grande stile, per sabato mattina, a mezzogiorno.

_______________________________________________________________________________________________________________________________

ARTICOLO SU “IL GIORNALE DELL’ARTE” (MAGGIO 2013)

 

 

Todi

The ‘sons of art’ become twins

Matteo Boetti and Andrea Bizzarro inaugurate Bibo’s Place.

Todi ( Pg). Andrea Bizzarro and Matteo Boetti have opened Bibo’s Place, a gallery whose name derives from the initials of each of the partner’s surname. Between 1992 and 1995, after the death of his father, Alighiero Boetti, Matteo (born in 1969), decided to transform his father’s art studio into the Autori Messi gallery. During this period, new generations were being introduced to the art scenes in Rome, and Autori Messa quickly became a vivarium for these young artists and critics, such as Pintalda, Silvano, Basilè and Cristiana Perrella.  In the meantime, Matteo was also busy founding the Alighiero Boetti Archives (1994) and resuming his work as a musician and song-writer.  In 2002 he opened the Autori Cambi gallery in Rome, delving into the international art scene and consolidating young (and not so young) artists before turning his attention to creating a project managing studio with exhibitions both in Italy and abroad. Matteo now lives in what was once his father’s home and studio in the Todi countryside, where he runs his own farm, El Mansur. 

Bizzarro (born in 1974) comes from a family of art-collectors. After gaining a degree, he turned his attention to post-war art before becoming an art-dealer and consultant. In 2012 the pair decided to use the space that once housed Giuliana Soprani Dorazio’s Extramoenia gallery and Piero Dorazio’s Archive. Within a 16th century building in the centre of Todi, Bibo’s Place spreads over 160 square metres which are made up of 5 rooms. From the 18th May until the 7th September, the first exhibiton, “Women’s Genius. One Step Beyond” will be open. This show is a tribute to Giuliana Soprani Dorazio who recently passed away. The works of Carla Accardi and of the American artist, Rebecca Ward (born in 1984) will be on show, and Manuela Pacelli is author of the catalogue’s critical text. About 10 of Carla Accardi’s pieces, including an oil painting from 1954 and two large sicofoil pieces dating back to the 1970s will dialogue with Rebecca Ward’s abstract-geometric style paintings, papers and ribbon installations.

Considering the general economic situation, what on earth made you decide to open such an important gallery so far from the Italian artistic circles?

Matteo Boetti. To be honest, we just jumped into it! There are only two of us, but I am convinced that one plus one doesn’t make two, but eleven. We are however creating a network of contacts both in Italy and abroad with the aim of forming joint-ventures. For example, every now and again, Massimo De Carlo drops by to check on the project’s progress.

You are an odd couple, with such diverse personalities, lives and capabilities.

Andrea Bizzarro. To be honest, we compliment each other, and we are aware that each one of us has to nurture their own identity in order for our project to grow.

How do you plan to put your respective professional abilities to use?

M.B. We have studied a range of different ideas and exhibitions intended to compare established artists with their younger counterparts and we hope to be able to highlight the continuity between different generations. A project room will display the artistic strength of young talents. A show room will host a selection of pieces from our collections and multiples, as well as limited edition calcografic and ceramic pieces of the Bibo’s brand. As we would like to plant our roots in this area, we are working with Mauro Salvi, who was Piero Dorazio’s trusted printer and who has his workshop in the same building as our gallery, and we will collaborate with the Deruta ceramist, Ubaldo Grazia – heir to a centuries old business and who has plenty of experience in working with high profile artists.

How do you plan to find collectors and bring them to the gallery?

A.B. For a start, Todi is full of foreign residents who have so far been bored to death. We are counting on the fact that we are so close to Rome and the whole of central Italy. We are also working in artists’ homes.

Francesca Romana Morelli

_______________________________________________________________________________________________________________________________

APRE A TODI BIBO’S PLACE DEDICATA AL GENIO FEMMINILE

scritto su ROMA SETTIMANALE/ 8 MAGGIO 2013 – 07:35

Apre a Todi Bibo’s Place  dedicata al genio femminile

Matteo Boetti, figlio di Alighiero, insieme al socio Andrea Bizzarro, ritorna sulla scena dell’arte contemporanea, dopo un’assenza di cinque anni. La sede è Palazzo Pensi a Todi, in quella che era Extramoenia di Giuliana Soprani Dorazio. Il progetto nasce dall’incontro tra Matteo Boetti, gallerista di riferimento per molti giovani artisti e curatori, e Andrea Bizzarro, art dealer, consulente e storico dell’arte figurativa italiana del secondo dopoguerra.

Il nuovo spazio avrà come linea curatoriale il confronto tra artisti giovani ad artisti storicizzati rendendo complementari le esperienze dei due soci, uniti anche nel nome della galleria, Bibo’s Place, che utilizza le iniziali dei cognomi.

La mostra inaugurale Women’s Genius – One step beyond, è dedicata al genio femminile e vede protagonisti i lavori di un’artista italiana storica come Carla Accardi, messi a confronto con quelli della giovane e talentuosa artista americana classe 1984, Rebecca Ward, che proprio in questi giorni espone con una personale alla Ronchini Gallery di Londra. La mostra al Bibos’s è curata dai galleristi stessi e comprende un testo critico di Manuela Pacella.

giusy3 bibo'splace4-1

Matteo Boetti, è dal 2008 che ti sei allontanato dal mondo dell’arte. Cosa ti porta di nuovo su questi lidi? L’amore per gli artisti, per le opere o per il mondo caotico ma affascinate dell’arte in generale?

“La ragione principale che mi riporta a tuffarmi nella vasca degli squali è principalmente l’amore per i progetti, per l’ideazione e la realizzazione di un programma il più possibile carico di senso e di bellezza. Poi le cose capitano quando devono capitare e l’incontro con il mio attuale socio Andrea Bizzarro è stato un innesto di entusiasmo e di energie nuove che ci hanno dato la spinta necessaria.”

Come mai avete scelto per la galleria un luogo decentralizzato come Todi?

“Sia io che Andrea viviamo da tempo nella campagna di Todi e da qui il nostro incontro e quello con Giuliana Soprani Dorazio che fino a dicembre gestiva una galleria nello spazio che ora accoglierà Bibo’s Place. In questi anni ci siamo accorti di quanti artisti abbiano eletto questa zona a loro residenza, come pure molti collezionisti. Todi ha una specie di vocazione naturale all’arte e alla cultura. Inoltre è al centro esatto dell’Italia e facilmente raggiungibile da ogni dove. Peraltro da ciò che ho potuto verificare in questi ultimi anni in occasione delle brevi interruzioni al mio eremitaggio agricolo/equestre è che le metropoli mi sembrano in avanzato stato di marcescenza, perciò evviva quest’alternativa.”

ARCHIVIO GENERALE ultimo (SERVERTA.private)

La linea curatoriale vedrà il confronto tra artisti storici e quelli emergenti. Oltre a questa linea avete delle preferenze per un settore in particolare, quale il concettuale, il figurativo o l’istallazione per esempio?

“La linea di un confronto generazionale è certamente alla base di tutto quello che verrà, ma di volta in volta sarà differentemente declinata e variata. Riteniamo che la qualità non sia un dato soggettivo e che ci siano dei dati assoluti, indiscutibili. Quindi ci pare del tutto vano dibattere su quale genere sia preferibile per perseguire questa indagine.”

State aprendo in un momento di crisi del mercato dell’arte in cui molte gallerie chiudono. Avete un’idea vincente nel cassetto?

“Questo non è un momento di crisi del mercato dell’arte: ci troviamo di fronte ad una crisi sistemica, sociologica che ha investito ogni ambito del pensiero e dell’operatività umana.
La nostra scelta è una risposta decisa a tutto questo, il nostro modo di essere significativamente nel mondo. Certo, più che di coraggio, ci siamo dovuti armare di incoscienza!”

L’inaugurazione è fissata per il 18 maggio alle 12.00, in un orario diverso dalle abitudini dei vernissage romani e ci auguriamo sia anche auspicio di novità invitanti.

Giusy Lauriola

_______________________________________________________________________________________________________________________________

IL RITORNO DEL MATTEO BOETTI GALLERISTA.
APRIRA’ A TODI IL NUOVO SPAZIO CHE RIPRENDE IL TESTIMONE DI AUTORI MESSA ED AUTORI CAMBI

Scritto su ARTRIBUNE

In principio, aveva vent’anni ed era “solo” il figlio del grande Alighiero Boetti, ci fu l’esperienza di assistente della capitolina Galleria D’Ascanio, poi, a metà degli anni Novanta l’esperienza cruciale di Autori Messa, la galleria al Pantheon che segno quel decennio a Roma, poi una fase nel mondo della musica a suonare e incidere dischi con i Superlusso, di seguito un ritorno importantissimo al mondo dell’arte: l’apertura, nel 2002 della galleria Autori Cambi dà la stura alle mille nuove gallerie che a Roma aprirono i battenti tra il 2002 e il 2007, come se tutti stessero aspettando i suoi movimenti. La galleria durò nello spazio di San Martino ai Monti per tre anni e nel 2005/2006 si trasferì nel Rione Prati, con il nome di Studio Matteo Boetti. Dopodiché stop a giovani artisti e gallerie: Matteo Boetti, di lui stiamo parlando, ormai maturo quarantenne si ritira nella campagna umbra a occuparsi di trekking a cavallo e olio d’oliva, naturalmente con sempre sullo sfondo l’attività dell’Archivio Boetti.
Oggi si sta concretizzando un nuovo ritorno, l’ennesimo. Non più a Roma, bensì proprio al centro di Todi ormai patria definitiva del gallerista. La nuova avventura, che dovrebbe aprire entro l’estate, si chiamerà Bibo’s Place dove “bi” sta per Andrea Bizzarro, il cognome del mercante d’arte secondo socio, e “bo” per Boetti, Matteo. Gli spazi? Sono quelli della galleria Extramoenia, ora non più in attività, dopo la recente scomparsa della titolare, Giuliana Soprani, vedova dell’artista Pietro Dorazio. Proprio Dorazio potrebbe essere il primo protagonista negli 80mq di Bibo’s, ma non da solo: la galleria prevede di allestire spesso delle doppie personali (d’altro canto erano state una specialità di Matteo anche durante il periodo di Autori Cambi) affiancando un grande maestro ad una giovane promessa e questo sarà anche il caso della prima mostra, con Rebecca Ward, promettente artista americana ventiseienne, già legata in qualche modo all’Umbria, collaborando con la galleria umbro-londinese Ronchini. Non è escluso che il nuovo spazio verrà dotato di tutto quel che è necessario (appartamenti e quant’altro) per mettere in piedi un bel programma di residenze nel cuore dell’Umbria dedicate ad artisti internazionali. Una apertura che rappresenta un bel segnale in questi mesi di profonda crisi e sfiducia: solitamente le mosse di Matteo Boetti hanno anticipato periodi di vivacità e sviluppo culturale.

 

Getulio Alviani e Giuseppe Gallo. Due sole opere ed è già S.U.P.E.R. Da Bibo’s Place di Todi